Oasi Sport


Vai ai contenuti

Attività extraterritoriali

Le nostre attività

La finalità di base del progetto riguardante l'attività extraterritoriale sta nel creare un ponte tra attività d'insegnamento "non funzionali" (perseguite durante attività in palestra, piscina ecc.) e attività "funzionali", ricercate durante le uscite ed i vari momenti di applicazione reale di apprendimenti acquisiti. Il rischio altrimenti sarebbe quello di far acquisire abilità "isolate" non integrate tra loro, ne integrate in un contesto di vita quotidiana.

In tal senso l'intervento si sviluppa su due fronti che vanno a convergere verso la crescita e la maturazione complessiva del soggetto:

1.
esperienze di vita autonoma - ovvero stimolare il ragazzo verso quelle forme di organizzazione temporale cui corrispondono i ritmi giornalieri, e di organizzazione comportamentale adeguata cui corrisponde un vissuto socialmente valido. Quanto acquisito dal ragazzo nelle esperienze annuali, frutto di una continua e tenace preparazione, sarà riscontrato ed esaltato in una situazione nuova e libera da condizionamenti affettivi o di ruolo, dove prevarrà la responsabilizzazione, il rispetto di norme, ma anche il piacere di vivere una diversa "quotidianità".Il ragazzo infatti, nell'impegno quotidiano di accudire alla propria persona, rispettare regole ed orari, conquistare e curare un proprio spazio, gestire relazioni interpersonali, è coinvolto direttamente e diventa così protagonista del proprio processo di crescita e di autonomia.

2.
recupero del residuo funzionale - ovvero ricomporre la verosimile frantumazione che viene a determinarsi negli interventi specialistici, mirati alle singole dimensioni funzionali, attraverso attività psicomotorie globali piacevoli, motivanti, ma anche fortemente riabilitative.

In sostanza, nelle attività extraterritoriali, l'attività motorio-sportiva riabilitativa ha connotazione terapeutica, non solo per la stimolazione ed il rafforzamento del residuo funzionale presente nell'utente, ma anche per il forte coinvolgimento emotivo che essa produce.
Quest'ultimo aspetto, influendo positivamente sulla motivazione individuale, crea e sviluppa nel soggetto effetti riabilitativi insperati, spesso non raggiungibili attraverso schemi d'intervento tradizionale.

Organizzazione giornaliera
L'articolazione dell'attività giornaliera viene programmata tenendo conto delle necessità di gestione autonoma della persona (riassetto ambienti, igiene personale, abbigliamento, ecc.) e degli interessi manifestati dal ragazzo.
In questo ambito sono numerose le attività offerte dal programma generale: mountain bike, canoa, trekking, tiro con l'arco, equitazione attività di animazione, sci nordico, sci alpino, discesa con gommoni e slittini, psicomotricità sulla neve (soggiorno invernale).

Comunque, in ogni giornata, sono distribuite attività di impegno fisico e di impegno mentale, momenti lucidi, momenti di autogestione,momenti di "riflessione" su atteggiamenti individuali e collettivi tenuti. Il tutto sotto la guida-stimolo degli operatori, attenti a creare un vissuto giornaliero equilibrato che tenga conto dei ritmi soggettivi.

Ogni ragazzo, pur vivendo una esperienza di gruppo, viene considerato e valorizzato nella sua individualità (potenzialità, precedenti esperienze, abilità da perseguire ecc.).

L'articolazione della giornata, già programmata a suo tempo, viene valutata dagli operatori al temine di ogni giorno ed adattata, al di là dello schema previsto, alle esperienze che emergono nell'iter dell'esperienza.


Home Page | Il mondo Oasi | Le nostre attività | Attività Estive | Sezione Trasporti | Info ed utilità | Collabora con noi | Centro Motorio | 5 per mille | I nostri stakeholder | Noleggio Minibus | Sistemi di Gestione | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu